Caricamento foto...

Installazione e configurazione di ProFTPD su Debian

luglio 13th, 2011 by Antonio Iervolino Leave a reply »

In questo articolo installeremo ed imposteremo una configurazione basilare di un servizio FTP su Debian utilizzando ProFTPD.
ProFTPD è un demone ftp scritto con l’intenzione di creare un software sicuro e altamente configurabile in modo da soddisfare le più disparate  esigenze. E’ usato da diversi siti di importanti ditte tra le quali: SourceForge, Linksys, Samba.org ecc.

Installazione di ProFTPD
Come la quasi totalità dei software installabili per Debian l’installazione, grazie ai tool apt e aptitude, risulta estremamente semplice, per installarlo si utilizza il seguente comando:

sudo apt-get install proftpd

Se state eseguendo il comando da root, “sudo” è superfluo. L’unica nota degna di rilievo in questa operazione è che all’atto dell’installazione vi verrà chiesto se volete installare ProFTPD come inetd o Standalone. Si consiglia l’installazione in modalità inetd se stimate che il traffico generato via ftp non sia eccessivo, diversamente se stimane un grosso traffico bisogna installarlo come Standalone.
Nel mio caso ho scelto inetd.

Configurazione di ProFTPD
Una volta installato, ProFTPD si presenta con una configurazione di default che ho dovuto cambiare perchè non rispecchiava assolutamente le mie esigenze e in principal modo sono state due le modifiche: di default gli utenti che si potevano loggare via FTP erano utenti che sulla macchina avevano accesso alla shell e una volta loggati compatibilmente con i loro permessi potevano girare per tutta la macchina e non venivano confinati nella loro home directory.
Per cambiare le impostazioni editiamo il file /etc/proftpd/proftpd.conf
Avendo degli utenti sulla macchina ai quali non ho dato accesso alla shell ho bisogno che loro si possano loggare ed utilizzare il servizio FTP per fare questo ho dovuto settare il paramentro RequireValidShell ad off

RequireValidShell off

Mentre per far si che l’utente non possa uscire dalla sua home directory bisogna impostare la seguente direttiva:

DefaultRoot ~

Salviamo ed usciamo dal file.
Ora bisogna riavviare il proftpd e per riavviarlo siccome corre come inetd dobbiamo usare il seguente comando:

/etc/init.d/openbsd-inetd restart

In pochissimo tempo abbiamo un servizio ftp affidabile e funzionante.
Per eventuali domande o consigli potete scrivere un commento.

Advertisement

1 comment

  1. Daniele ha detto:

    Se il inetd non fosse preinstallato, meglio installarlo prima di ProFTPD, affinchè quest’ultimo possa autoconfigurarsi al meglio durante l’installazione

Lascia un commento